Ilaria Goffo è maestra di scuola primaria, ma da alcuni anni insegue il suo sogno di scrittrice, diventando autrice di libri per bambini e adulti.

Ilaria ci invita, proprio come ha fatto lei, a cercare dentro di noi quella luce che ci rende vivi, il nostro “ikigai” (l’equivalente giapponese di “ragione di vita”). “La vita” spiega “ti porta a dimenticare quello che veramente ti esplode dentro“.

Raccontami di te, della tua vita, il tuo percorso, le ultime novità.

Mi chiamo Ilaria Goffo, sono maestra e prima educatrice professionale.

Vivo a Padova e da alcuni anni mi diletto nella scrittura: ho scritto il mio primo libro per adulti “Io ti vedo nel buio della precarietà”, a cui ha fatto seguito il libro “Real e zia Sergunta”, libro per bambini.


Ho pubblicato con Lombrellomatto, il seguito “Real, il bassotto e zia Sergunta”. A questi seguono una serie di interviste, ed ora stanno per iniziare anche delle animazioni sulla lettura per i bambini.

Come hai deciso di voler fare la maestra? Quando hai pensato di coltivare il tuo sogno di diventare scrittrice, cosa ti ha spinta ad esplorare e scoprire i tuoi talenti?


Circa 10 anni fa, grazie ad un’amica mi si è aperta la strada di insegnante. Non avevo mai considerato l’insegnamento, finché la voglia di rimettermi in gioco, di proseguire nel mio cammino educativo e di approfondimento mi hanno spronata ad andare avanti.

Nonostante il timore di non essere all’altezza del ruolo, devo dire mi sono riscoperta educatrice/maestra ed è stata una bella sorpresa, per me stessa prima di tutto.

Durante gli stessi anni di insegnamento, ho iniziato un percorso di meditazione che mi ha portata in maniera meravigliosa a scoprire che dentro di me c’era la volontà di esprimermi in maniera creativa al di fuori della scuola: ho iniziato a scrivere.

Ho iniziato a scrivere, amando l’azione stessa e l’energia che mi metteva in ogni molecola del mio corpo.

Inizialmente scrivevo per un blog di storie per bambini, finché un’amica mi ha consigliato di iniziare a scrivere qualcosa di mio.

Da lì ho scoperto il mio talento di scrittrice, anche se ricordo di essere sempre stata un vulcano con le parole, sin dalla scuola primaria. Mi è sempre piaciuto scrivere, ma la vita ti porta a prendere altre strade e a dimenticare quello che veramente ti esplode dentro.

Recensione di M. Zanella

Di cosa parli nei tuoi racconti?


Nei miei racconti per bambini parlo di storie di animali sempre con un risvolto educativo.

L’ultimo libro per adulti “La voce di Zoe”, edito Level82publishing, parla invece di una relazione e di un percorso di crescita di due ragazzi che si trovano adulti in due modalità diverse.

La Voce di Zone” è un libro al femminile. Al centro vi è una protagonista determinata e forte.

Ma è anche per un pubblico maschile che vuole diventare più consapevole del femminile, mettendosi in una posizione di confronto.


La scrittura ha cambiato molto la mia vita. Ho iniziato ad organizzare eventi pubblici, a creare nuove relazioni, ad entrare in contatto con nuove realtà creative.

In che modo questa passione ha influito sulla tua vita? Cosa è cambiato da quando hai scoperto i tuoi talenti e le tue passioni?

Mi sono sentita parte di un mondo artistico che fino a quel momento non conoscevo. Ho iniziato ad occuparmi del mondo dei social per pubblicizzarmi, per fare corsi e migliorami su questo fronte.

È cambiato molto il mondo delle mie relazioni, che si sono tinte di colore e passione per quello che potrei definire “il mio ikigai”.

Hai un progetto attualmente? C’è qualcosa in particolare che vorresti realizzare?

Attualmente sto lavorando su due fronti: sia per la letteratura per infanzia, scrivendo racconti per bambini, sia per quanto riguarda la letteratura per adulti, vorrei continuare il filone di scrittura al femminile.

C’è qualcosa che ti diresti, potendo tornare indietro? Qualcosa che possa essere d’aiuto chi è alla ricerca della propria strada.


Quello che posso dire a chi è in cerca di gioia, di felicità, di un sano star bene con se stessi e con il mondo è che è davvero importante cercare dentro se stessi quella luce che ci rende vivi, di cercare il proprio “ikigai”.

Ho lavorato molto per capire quale fosse e potrebbe ancora cambiare, perché siamo in continua evoluzione, per cui vi dico e vi consiglio dal profondo del mio cuore: seguite le vostre passioni.


Domani potrei svegliarmi e sentire che quel vulcano dentro di me è altro, per ora mi ascolto con attenzione, perché credo che amarsi sia seguire ciò che ci fa stare bene.

Ilaria Goffo, scrittrice

Così, la storia di Ilaria ci lascia con un sorriso e tanta speranza.

Vi invitiamo a leggere i suoi libri, per arricchirvi ancora con le sue bellissime parole. Potete trovarla anche cliccando qui, su Facebook, e qui per la sua pagina Instagram.

Ma la storia di Ilaria ci insegna anche un’altra cosa: che ognuna e ognuno di noi deve vivere una vita piena, cercare il proprio “ikagai” e non fermarsi mai, finché non lo troviamo.

Ilaria lo ha trovato.

Se lo hai trovato anche tu, ti invito a coltivarlo. Se invece sei ancora alla ricerca, non temere: lo troverai. Continua ad andare avanti e crederci.

Questa ricerca può essere più serena e bella se la facciamo insieme.

Se vuoi seguire l’esempio di Ilaria e stai cercando delle compagne di viaggio, unisciti a noi: una comunità di donne R-Evoluzionarie in cammino verso il cambiamento: “La Voce delle Donne dalla Terra al Cielo“.

Ci incontriamo online ogni settimana sul nostro gruppo Facebook ufficiale, parliamo di passioni e talenti, di benessere e di crescita personale da tutti i punti di vista. Puoi entrare a far parte anche tu del nostro gruppo cliccando qui.

Organizziamo ogni anno 2 eventi per incontrarci di persona. Siamo pronte per la 3a Edizione dell’evento11 e 12 Settembre 2021 a Villa Todesco, Villa del Conte (PD).

Saranno 2 giorni intensi di workshop dinamici ed immersivi, dall’Arteterapia, al Teatro, allo Yoga, alla MeditazioneSostenibilità da ogni punto di vista e molto altro. Clicca qui per prenotare il tuo posto!

Per due giorni ci dedicheremo completamente a noi, immergendoci nella natura.

Inoltre sarà l’occasione perfetta per conoscere altre donne con cui confrontarsi, coltivare insieme le proprie idee, passioni e talenti. E perché no? Anche per scoprirne e coltivarne di nuovi!

Vuoi sostenerci?

Scopri anche il nostro progetto su Eppela, cliccando qui. Puoi sostenerci in tantissimi modi, ad esempio acquistando un biglietto sospeso.

Aiuterai una donna a riscoprirsi, a credere in se stessa, a individuare e coltivare i propri talenti, le proprie soft skills.

Grazie a te una donna a inizierà a scoprire la propria voce, per imparare ad esprimersi in ogni angolo della società.

Scoprici su Eppela!